Giornata della memoria 27 gennaio 2021

La Shoah del Living Memory per gli studenti del Faravelli

Le restrizioni dovute alla pandemia sono solo una limitazione, non un ostacolo insormontabile, che abbiamo imparato ad aggirare e così, quest’anno, la commemorazione della Giornata della Memoria è stata celebrata dagli alunni dell’Istituto Faravelli di Stradella con quei mezzi con cui tutti noi abbiamo imparato a familiarizzare: le dirette streaming e le videoconferenze. Appena un anno fa, poco prima che il primo lockdown sorprendesse tutti, obbligandoci all’inedita esperienza dell’isolamento sociale, una delegazione di alunni delle classi quarta e quinta del corso ITI del nostro Istituto, aveva fatto in tempo a completare la propria esperienza con l’associazione Treno della Memoria, che dal 2004 ha avviato il suo progetto educativo: non una gita scolastica ma un viaggio collettivo “zaino in spalla” per la costruzione esperienziale di una coscienza civile attiva. Dal 12 al 21 febbraio 2020, il gruppo di studenti, accompagnato dal prof. Salvatore Salzano, è partito da Stradella, facendo tappa prima a Praga e poi a Cracovia. Non semplice svago, ma immersione razionale ed emotiva nel passato che rivive, fatta insieme a studenti di altre città, con educatori giovani, ex partecipanti alle passate edizioni ed appositamente formati.

Un anno fa, al loro rientro, felici che fossero riusciti a completare il viaggio prima del lockdown, ben pochi di noi avrebbero immaginato che oggi saremmo stati ancora nella stessa situazione, anche se certamente non paragonabile, ma pur sempre lontana da quel “prima” del Covid.

E così il Treno della Memoria, seppure in affanno per l’annullamento di ogni attività di viaggio attraverso l’Europa centrale, ha organizzato una commemorazione alternativa. Gli studenti che avevano partecipato all’edizione passata, ancora in contatto nei gruppi chat, hanno informato i docenti del ricco programma di appuntamenti a cui le classi, mediante i loro docenti referenti potevano prenotarsi. L’organizzazione torinese si è rivelata un meccanismo rodato e così tutte le classi della nostra scuola hanno potuto prendere parte in un modo, che non è stato poi così virtuale, agli incontri, sia che la turnazione della presenza al 50%, li vedesse in aula davanti alla LIM o in casa davanti allo schermo del proprio device, in simultanea con migliaia di altri studenti e scuole sparsi in tutta Italia. Gli appuntamenti, nell’arco di dieci giorni tra fine gennaio ed inizio febbraio e frutto di collaborazioni plurime tra amministrazioni pubbliche, come la Regione Piemonte, ed associazioni private, hanno preso il via con una visita virtuale del campo di concentramento di Auschwitz – Birkenau e lezione del prof. Diego Audero a cura di Terra del Fuoco Trentino; poi un’intervista testimonianza di Oleg Mandič, sopravvissuto alla detenzione nel campo di concentramento di Auschwitz – Birkenau e presentazione del documentario L’ultimo bambino di Auschwitz; una riproduzione a distanza del viaggio del Treno soprannominata “Tappe di Memoria”: il racconto di alcuni luoghi significativi della Shoah: Terezin e Lidice, Ravensbruck Shachsenausen e Budapest, attraverso il collegamento con le guide locali dei luoghi che gli studenti visitano ad ogni edizione. Il ciclo di incontri si è concluso con la Lectio Magistralis Dalla fine dei totalitarismi al sogno europeo di Ubaldo Villani Lubelli, docente di Storia delle Istituzioni politiche presso l’Università del Salento.

La rassegna Living Memory, “memoria vivente”, con riferimento agli ultimi sopravvissuti viventi, il cui prezioso racconto abbiamo appreso, ha compensato l’assenza del viaggio in modo egregio e cogliamo questa occasione per esprimere il nostro apprezzamento per la perfetta organizzazione e i generosi contributi dei protagonisti, con la speranza che gli alunni delle nostre classi quarte abbiano la possibilità, tra un anno, ad emergenza archiviata, di tornare con lo zaino in spalla, a vivere di persona, insieme a coetanei di altre scuole, il luoghi e i racconti della Shoah e che se ne facciano testimoni per la vita.

 

SEDE DI STRADELLA:

Dal 22 gennaio al 2 febbraio i docenti del Dipartimento di Lettere di Stradella propongono agli studenti un percorso storico e culturale on line di conoscenza e approfondimento che, partendo dalla storia del ‘900 e in particolare dagli eventi tragici della Seconda Guerra Mondiale e della Shoah, consentirà di poter “incontrare” alcuni degli ultimi testimoni di quei tragici fatti. Una rara opportunità di scoperta e condivisione che trasforma in patrimonio comune la memoria anche con lo scopo di comprendere e affrontare le difficoltà legate al presente.
Il programma completo è visibile al link http://www.trenodellamemoria.it/living-memory/
I docenti di Lettere organizzano, con le proprie classi, una giornata di incontro on line nelle date indicate:

data ora Tema incontro relatore classi
25 gennaio 10:00 Visita virtuale del campo di concentramento di Auschwitz – Birkena Diego Audero  1B MAT- 2B MAT – 3A MT – 3MFP – 4 MMAT- 5MMAT

2 A AFM – 3ASIA – 5BSR

4 A ITI

 

26 Gennaio

 

10:00 Presentazione del documentario L’ultimo bambino di Auschwitz a cura di Terra del Fuoco Trentino con il contributo della Provincia Autonoma di Trento Oleg Mandic sopravvissuto alla detenzione nel campo di concentramento di Auschwitz – Birkenau 2BMAT – 4MMAT – 5MMAT

1AAFM-1BAFM – 2BAFM-2AAFM

3 ASIA 3B AFR – 4A AFS –

5A SIA- 5BSR

1ACAT-2ACAT

1 A IT – 2 A ITI – 3AITI

4 AITI- 4B ITI – 5 AITI

 

28 Gennaio

 

10:00 Tappe di Memoria: il racconto di alcuni luoghi significativi della Shoah: Terezin e Lidice, Ravensbruck Shachsenausen e Budapest. 2A MAT – 2B MAT – 4MMAT – 5MMAT

3AITI – 5AITI-

3A CAT

 

12:00 Per non dimenticare Simone Schinocca e Paola Candotti in collaborazione con l’associazione Tedacà. 4ACAT
2 Febbraio 10:00 Lectio Magistralis Dalla fine dei totalitarismi al sogno europeo  Ubaldo Villani Lubelli, docente di Storia delle Istituzioni politiche presso l’Università del Salento.

 

5ACAT – 5BSR -4BITI –

5A ITI – 4EMAT – 5 EMAT-