Giornata della memoria 2022

Giovedì 3 febbraio gli alunni delle classi quarte e quinte della sede di Stradella parteciperanno alla  commemorazione della GIORNATA DELLA MEMORIA-27 GENNAIO e della GIORNATA DEL RICORDO- 10 FEBBRAIO organizzata dal Comune di Stradella.

Gli alunni leggeranno brani con l’obiettivo di “ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati”.   

                                                

LA MEMORIA E IL RICORDO: LETTURE PER NON DIMENTICARE

Così si intitola il lavoro portato giovedì 3 febbraio, sul palco del Teatro Sociale, nella
forma di letture drammatizzate, dagli studenti delle classi III A SIA, IV A SIA, IV A IT, V
A IT e V CAT dell’Istituto Faravelli di Stradella per la celebrazione cittadina della
Giornata della Memoria e del Giorno del Ricordo.
La musica incalzante e le immagini forti hanno corredato il racconto dei 18 letto-
attori che si sono avvicendati sul palco e hanno provocato momenti di alta emozione
nel pubblico formato, oltre che dalle autorità locali e dalle associazioni, soprattutto
da studenti delle scuole superiori.
L’intervento è stato il risultato di un lungo e approfondito laboratorio di lettura e attorialità in cui gli studenti, guidati dalle loro docenti di Lettere, hanno letto
integralmente i libri di autorevoli testimoni della Shoah, come “Noi bambine ad
Auschwitz” delle sorelle Andra e Tatiana Bucci, “Fin quando la mia stella brillerà” di
Liliana Segre, “Sonderkommando Auschwitz” di Shlomo Venezia oltre a saggi sulla
conferenza di Wannsee e articoli e testimonianze della tragedia delle Foibe, come
quella di Giuseppe Comand comparsa sul giornale L’Avvenire “Io a 97 anni ultimo
testimone oculare delle stragi delle foibe”.
Gli studenti, dopo l’analisi attenta dei testi, si sono confrontati e hanno individuato
diverse pagine e passaggi particolarmente toccanti che hanno voluto presentare per
ricostruire i fatti: l’assurda tragedia che ha travolto persone innocenti tra cui molti
bambini trucidati dalla follia dei medici sperimentatori di Auschwitz, nonché la
ulteriore tragedia delle foibe.
Alla fine le docenti hanno svelato agli studenti, attraverso prove dedicate, i segreti
della lettura efficace e “attoriale” che riesca a comunicare non solo le parole ma
anche le emozioni per una corretta e completa comunicazione del messaggio. E
questo il 3 febbraio è accaduto.